LA STORIA

La tradizione di produrre spazzole inizia i primi del novecento con una persona che fabbrica completamente a mano le spazzole per fornire i negozi locali.

In seguito, nel periodo compreso fra le due guerre mondiali, i figli fondano a Lecco un’azienda con lavorazione eseguita con macchinario industriale. Oltre alle spazzole tradizionali il macchinario permette la produzione di bigodini e lavabottiglie, spazzole con setole metalliche e dischi per lucidatrici. Nel 1966 Farina Augusto esce dalla società e rileva in Piacenza uno spazzolificio già chiuso. In quest’ azienda si producevano principalmente spazzole in radice che la popolazione locale raccoglieva nell’alveo del fiume.

Venivano poi scorticate, lavate, essicate, sbiancate, selezionate per durezza  ed usate per produrre spazzole per bucato, abiti, scarpe, animali, botti, … eccetera.

Da Lecco Farina Augusto, oltre alle proprie competenze porta anche una macchina semi-automatica per produrre spazzole per capelli. Da allora l’azienda ha continuamente incrementato le proprie capacità investendo sempre in attrezzature e tecnologie all’avanguardia.